Linee guida SEO per un buon posizionamento Google.

istruzione linee guida seo

Digibahn offre servizi web a 360°: dal sito di poche pagine al portale e-commerce, dall’hosting all’applicazione cloud, passando per il New Media Marketing. In questo breve ed essenziale articolo riassumiamo le linee guida SEO fondamentali per approcciare una strategia di Search Engine Optimisation. Rimaniamo a vostra disposizione per lo studio di una soluzione personalizzata.

Parole Chiave

Con “parole chiave” si intendono le combinazioni di testo che i nostri clienti utilizzeranno per cercarci su Google. Le parole chiave non sono associate al sito ma alla singola pagina. E’ possibile quindi definire più parole chiave per il nostro sito distribuendole per pagine secondo il loro contenuto. Utilizzare ripetutamente la stessa parola chiave per diverse pagine del sito è considerato da Google un fattore penalizzante. Scegliere le parole chiavi migliori è chiaramente basilare. Tanti utilizzano strumenti dedicati, come Google Trend, per decidere le parole più “gettonate”. In realtà tutti preferiamo avere alla nostra porta decine di nuovi clienti piuttosto che centinaia di ragazzini curiosi. La vostra conoscenza del mercato è per questo molto più efficace di Google Trend.

Meta descrizione

Meta descrizione è il breve testo descrittivo che compare in Google sotto il titolo della pagina. La sua lunghezza massima è di 156 caratteri ed è bene sfruttare tutto lo spazio disponibile. Inserite al suo interno le parole chiave.

Titoli

In una pagina i titoli rivestono una importanza particolare.

  • Titolo della pagina. La lunghezza del titolo della pagina dovrebbe variare tra i 40 caratteri e i 70 caratteri. Al suo interno è bene inserire la parola chiave scelta.
  • Titoli di paragrafo. L’inserimento nel testo di titoli di paragrafo testimonia la presenza di un contenuto strutturato ed ordinato. Nel caso di più titoli di paragrafo inserire in uno di questi la parola chiave.

Contenuto della pagina

Estrema importanza viene rivolta da Google all’effettivo contenuto testuale della pagina. Per ottenere un buon posizionamento non è sufficiente inserire all’interno della pagina solo una breve descrizione. Queste alcune regole al quale attenersi:

  • 300 parole, sono ritenute il contenuto minimo per ottenere una buona valutazione della pagina.
  • Prime righe. E’ bene inserire le parole chiave all’interno del primo periodo della pagina.
  • Ricorrenza Parole Chiave. Percentualmente è opportuno che la parola chiave compaia più volte con una percentuale vicina al 2% del contenuto totale della pagina e comunque non inferiore allo 0,5%.

Immagini

L’uso di immagini all’interno di una pagina è largamente consigliato. Ogni immagine possiede un “testo alternativo” ovvero un testo che compare nel caso in cui, per motivi tecnici, questa non potrà essere visualizzata. All’interno del “testo alternativo” è possibile inserire le vostre parole chiave. Lo stesso nome del file che contiene l’immagine può essere usato per richiamare tag utili al posizionamento.

Link

Anche i collegamenti presenti all’interno della pagina possono essere utili ad alzare il suo ranking. Inserite quindi collegamenti esterni a siti che abbiano attinenza al contenuto della pagina e/o che abbiano una buona reputazione.

Articoli

Google valuta molto positivamente siti contenenti articoli (blog). Inserire una sezione di articoli attinenti al prodotto o al servizio che offrite è una strategia che ripaga sempre in termini di visite e conseguentemente di valutazione del sito.

Social

Avere profili aziendali in Facebook, Google+, Linkedin o altre piattaforme social, può essere utile ai fini del posizionamento. Le “relazioni” e i collegamenti che il nostro sito genera all’interno di piattaforme social portano benefici SEO. Utilizzate quindi i vostri profili social per pubblicare gli articoli del vostro sito e curate con frequenza questo aspetto.

… e una guida SEO gratuita per approfondire?

Ci eravamo prefissati di porre le basi, brevi linee guida SEO da seguire per guadagnare posizioni nei motori di ricerca.
Se volete approfondire la tematica ecco alcuni Link:

Paolo Pedroni

Autore

Paolo Pedroni 42 anni, da 20 lavora nel settore IT. Dal 1995 si occupa di formazione e consulenza informatica, prima come libero professionista e poi come dipendente di una società italiana del settore. La sua gavetta la passa svolgendo docenza su tematiche di Office Automation, Desktop e Web Publishing ma inizia presto ad occuparsi anche di progettazione e coordinamento delle attività didattiche. Nel 1999 inizia a specializzarsi in ambito Citrix e Microsoft Server e più in particolare in tematiche di virtualizzazione applicativa e di sistema (oggi alla base del paradigma noto come Cloud). Nel 2006 decide di abbandonare l’attività consulenziale per seguire le problematiche informatiche legate allo sviluppo in Italia di un importante gruppo finanziario statunitense. Dal 2010 è tornato a seguire diversi clienti come consulente IT e Microsoft Certified Trainer.